madainitaly
           o.n.l.u.s.
© Sito costruito da Piergiuseppe Landucci nel 2014
la grande ricchezza dell’umanità sta nella solidarietà adolfo pérez esquivel
la terra ha risorse sufficienti per i bisogni di tutti,  non per l’avidità di tutti mahatma gandhi
Situazione economica Nel 2012 il Madagascar ha avuto una positiva crescita del P rodotto I nterno L ordo (PIL). Il    F ondo    M onetario    I nternazionale    (FMI)    prevede    nel    2013    un    progressivo    e    positivo sviluppo, ma che non controbilancerà l’incremento  dell’inflazione. L’Unione   Europea   progressivamente   ha   riattivato   gli   aiuti   di   cooperazione   al   Madagascar che    dalla    crisi    politica    del    2009    ha    visto    azzerarsi        quelli    internazionali    di    cui    era    ed    è      assolutamente dipendente. La situazione politica con l’avvenuta elezione democratica (il 20 dicembre 2013) del nuovo Presidente Hery Rajaonarimampianina e con  la nomina del Primo ministro Kolo Christophe Laurent Roger                               si   sta   stabilizzando   e   certamente   il   Presidente   ed   il   suo   Primo   ministro   dovranno   affrontare   e risolvere   i   tanti   problemi   della   loro   Nazione   con   tutte   le   loro   forze   e   la   loro   capacità   in   comunione con   l’intero   Governo.      La   Banca   Mondiale   nel   frattempo   ha   accordato   al   Madagascar   un   prestito straordinario   di   128   milioni   di   euro   per   evitare   che   i   servizi   pubblici   e   le   infrastrutture   subissero gravi danni irreversibili. Il    riattivarsi    della    cooperazione    internazionale    a    beneficio    del    Madagascar    è    quindi subordinata   alla   stabilizzazione   della   situazione   politica   con   le   avvenute      democratiche   elezioni presidenziali. La   crisi   politica   ha   fatto   si   che   proliferassero   svariate   attività   e   traffici   illegali   provocando in Madagascar una grave situazione ambientale a rischio ecologico.    Il   settore   agricolo,   che   contribuisce   a   circa   il   30%   del   P.I.L.   e      occupa   più   dei   due   terzi della   popolazione,      ha   subito   una   diffusa      riduzione   della   produzione   anche   a   causa   del   verificarsi di    cattive    condizioni    atmosferiche,    ad    eccezione    della    coltivazione    della    vaniglia,    di    cui    il Madagascar è il primo esportatore al mondo. L’aumento dei prezzi delle derrate alimentari e dei carburanti spiega l’inflazione al 6,5%. L’industria della pesca ed il turismo godono invece di un periodo florido. Il   mercato   dei   gamberetti   ha   avuto   un   calo   nella   domanda   da   parte   dei   Paesi   Europei, contrariamente a quella, in aumento, dei Paesi emergenti. Il    settore    dei    giacimenti    minerari    è    in    forte    espansione    tanto    che    dal    2013    dovrà cominciare lo sfruttamento di giacimenti di idrocarburi. L’afflusso   di   turisti   è   in   forte   aumento   a   partire   dal   2010;   il   settore   terziario   inoltre   consiste in altre attività dinamiche quali l’informatica, le comunicazioni, e svariate attività di servizi. Il   Madagascar   è   uno   dei   Paesi   più   poveri   al   mondo,   annualmente   devastato   dal   passaggio dei   cicloni,   e   si   trova   a   sostenere   pesanti   sfide   quali   quelle   della   riduzione   della   povertà   (85% della   popolazione   ha   reddito    zero) ,    della   lotta   contro   la   corruzione   e   della   riforma   della   proprietà fondiaria, oltre a quelle importantissime  dell’assistenza sanitaria e dell’istruzione. INDICATORE DELLA LIBERTA’ ECONOMICA Definizione : L’indicatore prende in considerazione dieci parametri della Libertà Economica, raggruppati in quattro categorie: 1. Le norme giuridiche 1 - diritto della proprietà 2 -  livello di corruzione 2. Il ruolo dello Stato 3 -  libertà fiscale 4 -  la spesa pubblica 3. Funzionalità ed efficacia  delle leggi  5 - libertà d’impresa 6 -  libertà di lavoro 7 -  libertà valutaria 4. Funzionamento dei mercati 8 -  libertà commerciale 9 -  libertà di investimento    10 -  libertà finanziaria Ciascuno di questi 10 parametri è collocato su una scala da 0 a 100. Il valore attribuito ad un Paese è la media di questi 10 parametri. Il Madagascar si posiziona nella lista mondiale al 73° posto su 177 Paesi l’Italia invece si colloca ben 10 posti dopo il Madagascar: all’ 83°. Estratto da : Indice de liberté économique 2013, Heritage Foundation