La cultura non si limita solo al parlare e quella del Madagascar non è solamente orale.

Letteratura del Madagascar

La letteratura ha un posto primario con degli autori rinomati quali Rabearivelo, Rabemananjara, Ramanantoanina o Georges Andriamanantena, per citarne alcuni tra quelli più conosciuti dal grande pubblico. È vero che lo studio delle loro opere deve essere fatto con una approfondita conoscenza della lingua malgascia e delle sue sottigliezze perché la loro lingua madre traspare anche in quelle loro opere in francese. La comprensione e l’accesso alle opere è più semplice e facile quando si tratta di pittura dove chiunque può riconoscere forme e colori anche quando il quadro si avvicina di più a quelli di Miro o di Matisse che a quelli di Vinci o di Breughel.

Pittura del Madagascar

I pittori malgasci si evolvono, in effetti, quasi al ritmo di quelli stranieri e non si limitano più all’arte figurativa che gli era abituale, ma si lanciano in una libera ricerca di espressione non asservita ai tradizionali canoni.

Musica tradizionale del Madagascar

La musica malgascia è ancora più dinamica della pittura perché si feconda, assimila le musiche del mondo intero grazie alla facilità di comunicazione internazionale e grazie alle nuove tecnologie di informazione. La musica malgascia eseguendo non solamente canzoni in lingua malgascia, ma in francese ed in inglese, in particolare in rap, comincia ad addentrarsi nel mondo di quella orchestrale dopo aver già brillato nel jazz ed in quella della danza.

In questa rapida scorsa della cultura malgascia è doveroso ricordare la musica tradizionale dei musicanti ambulanti chiamata “Mpihira gasy”. Una parte della musica malgascia abbastanza vicina all’operetta occidentale per il suo insieme di arie coinvolgenti e di recitazione, attira la gente per i suoi temi moralistici e in oggi conosce una sua rinascita perché si dice che anche a livello governativo ne siano apprezzate le caratteristiche con conseguente supporto.

Questa arte così eclettica si rifà alla retorica, alla poesia ed alla danza non esitando ad un’opera moralizzatrice ed inserendo nelle sue composizioni canti religiosi.

Danza tradizionale del Madagascar

La danza tradizionale malgascia si avvicina a quella delle genti di Bali, sia per i movimenti delle spalle e delle mani come delle gambe, alcuni giovani artisti si sono lanciati nell’eseguire delle coreografie moderne attirando l’attenzione di affermati coreografi dell’Europa e dell’America.

Cinema in Madagascar

Il Cinema, la settima arte, è quella che ha avuto un’avvio folgorante dovuto soprattutto alla realizzazione in digitale, meno costosa in Madagascar, di quella classica su pellicola. Al Festival di Durban , i cortometraggi presentati dal Madagascar hanno fortemente impressionato il pubblico e diversi produttori del posto si sono lanciati in questo settore, con un certo successo visto l’afflusso del pubblico alle proiezioni. Questo successo è dimostrato anche dalle innumerevoli copie pirata su DVD nonostante gli avvertimenti contro questo tipo di pirateria.

Chiudi il menu